Created with flickr badge.

giovedì 18 dicembre 2008

Nardò sudamericano



Giuseppe Zacheo, difensore. Exequiel Marini, difensore. Luis Moreno Hungria, centrocampista.






mercoledì 17 dicembre 2008

Massafra - Nardò 2-1

Un Nardò ingenuo lascia a mani vuote il fango di Massafra. Leone para tutto, Montanaro colpisce. Il Nardò non demorde e pareggia con De Padova. La partita sembra volgere dalla parte Granata invece è Piccolo a punirci nel finale.

MASSAFRA: Leone, Ricci, Taurino, Speciale, Pascullo, Nazaro, Morelli, De Virgilio, Montecasino, Montanaro, Candita, Palmisano. A disp.: Cantore, Ferrara, Ciaurro, Morelli, Ferrara, Forte, Russo, Piccolo - All.: Pettinicchio
NARDO’: Di Marco, De Padova, Citto, Esposito, Collaro, Tartaglia, Verdesca, Polo, Saracino, di Rito, Elia. A disp. Bassi, Ingrosso, Montefusco, Patera, De Benedictis, Volturno, De Mitri.. All. Longo
Arbitro,: Palermo di Bariassistenti: Lanetti Francesco e Rega Alessio di Bari.
Note: giornata rigida, terreno fangoso in pessime condizioni, spettatori un centinaio circa (una trentina i neretini).

Japigia - Nardò 0-1

Il Nardò sbanca a Bari. Decide un goal pesantissimo di Di Rito a conclusione di un brillante contropiede impostato da Volturno. Ora il campionato è a una svolta.

JAPIGIA: Ferrara, Faccitondo, De Palma, Loseto, Viola, Zizzariello, Mastrolonardo, Dammacco, Amoruso, Tateo, Cisternino. A disp. Damiani, Daddario, Piperis, Fusco, Genchi, Grandolfo, Fama. All. Sportelli.
NARDO': Di Marco, Mastria, Collaro, Tartaglia, Citto, Esposito, Elia, Verdesca, Di Rito, De Padova, Saracino. A disp. Bassi, Buono, Polo, Patera, Volturno, De Mitri, Striano. All. Longo.
Arbitro: Scatigna di Taranto
Marcatore: Di Rito 90'
NOTE: giornata ventosa, terreno in erba sintetica, spettatori un centinaio circa di cui una trentina neretini.

venerdì 5 dicembre 2008

Il Nardò si rinforza

ULTIM'ORA - Movimenti di mercato in entrata ed uscita in casa granata. In serata definiti gli ingaggi di due under che vanno a infoltire la pattuglia baby a disposizione di mister Longo, per domani è prevista l'ufficializzazione di due attaccanti. Due, le rescissioni consensuali. Ufficializzati: PIERANDREA ROLLO, attaccante classe '91, nato a S.Cesario (LE), proviene dal settore giovanile del Lecce.
PAOLO VERDESCA, centrocampista classe '90, nato a Copertino (LE), cresciuto nel settore giovanile del Lecce, ha iniziato la stagione nel Copertino. -------------------------------------------------------------------- Domani mattina è previsto il tesseramento dei due attaccanti a disposizione di mister Longo già da oggi pomeriggio, si tratta di: -
NICOLAS DI RITO, punta argentina (Tiro Federal, Cortulua, Sagrado Corazon, Angizia Luco, Francavilla al Mare), nato a Rosario il 04.12.85 -
MICHELE SARACINO, nato a Bari il 16.01.1979. Attaccante esterno cresciuto nel settore giovanile dell'A.S. Bari, nel suo curriculum tanta serie D. Ha vestito le casacche di Ginosa, Rutigliano, San Paolo Bari, Bitonto, Sporting Genzano, Real Altamura, Noci e Bisceglie. -------------------------------------------------------------------- La Nuova Nardò Calcio s.r.l. rende noto di aver rescisso consensualmente il rapporto professionale con i calciatori Montefrancesco Giuseppe e Masciullo Gianluca. La società ringrazia entrambi i calciatori per l’impegno dimostrato e augura loro le migliori soddisfazioni dal punto di vista umano e professionale.

lunedì 1 dicembre 2008

Nardò - Lucera 0-0


Un Nardò indomito resiste in 10 uomini contro il Lucera. Espulso De Benedictis al 12’. Il Lucera colpisce due pali, il Nardò si mangia tre goal clamorosi con De Benedictis, Elia e De Padova. Grande prova di carattere dei Granata. Punto prezioso.

NARDO’: Di Marco, Mastria, Buono (21’ Collaro), Citto, Esposito, Polo, Tartaglia, De Padova (70’ Striano), Elia (70’ De Mitri), Patera, De Benedictis. All. Longo
LUCERA: Curci, Palumbo, Rizzi, Vacca, Gabellonio, Piazzolla (60’ Cardone), DeStasio, Pellegrino, Cannarozzi, Abbrescia, Salinno. All. Di Stefano.
Arbitro: Sodano di Torre del Greco
NOTE: espulso De Benedictis al 12’, De Stasio al 92’.

domenica 23 novembre 2008

Bisceglie - Nardò 0-0

Il Nardò riesce a portare a casa un punto prezioso dal difficile campo di Bisceglie. Una partita quasi interamente votata al contenimento. Buona prestazione generale.

NARDO':DI Marco, Mastria, Citto, Esposito, Buono, Polo, Tartaglia, De Padova, Elia (75' De Mitri), Patera, De Benedictis (70' Striano). All. Longo.

BISCEGLIE: Cagnazzo, La Salandra, Frappampina, Santoli, Malerba, Di Donna, Balducci (Di Pierro), Moreo, Medico, Lestingi, Di Pinto. All. Notariale.

Arbitro: Basso di Taranto
NOTE: partita a porte chiuse, terreno sintetico, clima rigido. Ammonito: Di Marco

martedì 18 novembre 2008

Nardò - Lecce 0-1


Il Nardò non sfigura al cospetto del Lecce. Solo un goal di Tiribocchi consente ai giallorossi di piegare i neretini. Occasioni goal per De benedictis e Patera nel p.t. Di Marco impegnato da Castillo, Cacia e Konan. Nel finale Rosati sventa il pari su gran tiro di Ingrosso.


NARDO': Di Marco, Mastria, Citto, Esposito, Buono, Polo, Tartaglia, De Padova, De Benedictis, Elia, Patera.Nel s.t. entrano Montefusco, Collaro, Volturno, Striano, Scigliuzzo, Ingrosso, Rollo, Minnella..
LECCE: Benussi, Polenghi, Schiavi, Fabiano, Antunes, Giacomazzi, Munari, Basta, Zanchetta, Tiribocchi, Castillo.Nel s.t. entrano Petrachi, Ariatti, Ardito, Cacia, Konan, Boudjansky, Giuliatto, Esposito, Leonardo.


Arbitro: Panarese di Lecce.
Rete al 35' Tiribocchi.
Note: giornata mite, terreno scivoloso, spettatori 650 circa per un incasso di mille euro devolute alla famiglia Cecere.

lunedì 17 novembre 2008

Nardò - Corato 1-1


La vittoria sfuma ancora nel finale. Primo tempo di marca coratina con punizione brivido in area. Nardò più tonico nella ripresa. Segna Tartaglia ma in contropiede arriva il pari del Corato.


NARDO’: Bassi, Mastria, Collaro, Polo, Buono, Esposito, Elia (Ingrosso 41’ s.t.), De Padova (Volturno 41’ s.t.), Striano, Tartaglia, Patera. In panchina: Di Marco, Montefusco, Scigliuzzo, De Mitri, Quarta. All. Longo.
CORATO: Di Vincenzo, Cataldo, Lanotte, Picciarello, Abbrescia, Cacciapaglia, Asselti (Santarsiero 41’ s.t.), Curci (Musti 22’ s.t.), Leonetti (Tritta 37’ s.t.), Frascolla, Pace. In panchina: Camporeale, Abbisciano, Cannello, Campanale. All. Lotito.
ARBITRO: Gagliani di Brindisi.
MARCATORI: Tartaglia 21’ s.t., Pace 33’ s.t.
NOTE: ammonito Patera; angoli 6-5 per il Nardò.

martedì 11 novembre 2008

Sogliano - Nardò 3-0


Un brutto Nardò regge solo un'ora. Bassi tiene in partita i Granata con tre parate decisive nel p.t. Nulla da fare sulla punizione di Patruno. Natale De Benedictis sfiora il pari. Finale convulso con rigore dubbio per il Sogliano, veementi proteste dei neretini sugli spalti e sigillo finale di Mortari ad una partita molto brutta dentro e fuori dal campo.

SOGLIANO: Sako, Fracella, Ingrosso, Ricciato, Melissano, Branà, Patruno, Spagna, Tondo, De Benedictis, Manco. All. Cudazzo

NARDO': Bassi, Mastria, Citto, Esposito, Buono, De Padova (Volturno), Polo, Tartaglia, Elia, Patera, De Benedictis. All. Longo.
Arbitro: Meleti di Lecce
Reti: al 60' Patruno, all'80' e al 90' Mortari.

venerdì 31 ottobre 2008

Nardò - Putignano 4-0



Il Putignano resiste solo un tempo. Un Nardò impreciso nel p.t. colpisce una traversa e sfiora più volte il goal. Nella ripresa Patera rinforza l'attacco. Nardò in rete a ripetizione. Apre le marcature Elia, raddoppia Striano, triplica De Benedictis e sigilla ancora Striano. Addio ultimo posto.

NARDO’: Bassi (Di Marco 26’ s.t.), Mastria, Buono, Polo, Citto (Montefusco 21’ s.t.), Esposito, Elia, Ingrosso (Patera 1’ s.t.), Striano, Tartaglia, De Benedictis. In panchina: Quarta, Scigliuzzo, De Mitri, Volturno. All. Longo.
PUTIGNANO: Leuzzi, Sorresso (Giannandrea 13’ s.t.), Gentile, Bellantuono (Luca 37’ s.t.), Precentese, Palmisano, Genco, Pace, Parafò (Pulieri 26’ s.t.), Luceri, Vittorione. In panchina: Lacandela, Lavarra. All. Pascazio.

ARBITRO: Laudato di Taranto.
MARCATORI: Elia 2 s.t., Striano 6’ e 22’ s.t., De Benedictis 8’ s.t.
NOTE: ammoniti Striano, Giannandrea e Precentese. Angoli 12 a 0 per il Nardò.

lunedì 27 ottobre 2008

Boys Brindisi - Nardò 1-1


Il Toro pregusta la vittoria per 87' poi arriva la doccia fredda. Vantaggio Granata con Bassi, raddoppio sfiorato da Patera ma una mischia assassina beffa i Granata nel finale. Punto comunque utile. Prestazione tonica e incoraggiante. Quarto risultato utile consecutivo.

NARDO': (4-3-3) - Bassi, Mastria, Buono, Citto, Montefusco (al 70' Lepore), Ingrosso, Polo, De Padova, Elia, Patera, De Benedictis. A disp.: Di Marco, Zollino, Lepore, Volturno, De Mitri, Striano, Masciullo All. Longo

BRINDISI: La Guardia, Laguardia, Edjepkan, Giordano, Lopetuso, Pinca, Vatalaro, Borghese, Scozia, Greco, Disantantonio, Pepe Esposito. A disp.: Minelli, Lonoce, Girolamo, Borghese, Carteni, Massaro, Fraticelli e Golia. All. Gori.

Terna arbitrale: Pavone Gaetano - Barletta, Lopez Francesco - Bari, Rega Alessio - Bari.
Reti: al 42' Bassi, all'87' Carteni.

Giornata soleggiata, terreno erboso in buone condizioni, 300 spettatori circa oltre 150 i neretini.

lunedì 20 ottobre 2008

Nardò - Ostuni 1-0

Arriva la prima vittoria. Ci pensa De Benedictis con un goal capolavoro.



Un Nardò indomito batte la capolista. Decide un fantastico goal di De Benedictis. L'Ostuni ha attaccato a testa bassa sotto la spinta degli ex Tenzone e Parente ma non c'è stato nulla da fare contro il muro eretto dal Toro. E' la svolta.

NARDO’: Bassi, Mastria, Buono, Polo, Citto, Esposito, Elia (De Mitri 30’ s.t.), De Padova, Patera (Quarta 45’ s.t.), Montefrancesco, De Benedictis (Striano 32’ s.t.). In panchina: Di Marco, Zollino, Montefusco, Lepore. All. Longo.

OSTUNI: Palmieri, De Cesare, Ciaramitaro, Parente, Amato, Matera (Miccoli 1’ s.t.), Monaco (Nuzzaci 23’ s.t.), Greco (Trovato 1’ s.t.), Kreshpa, Tenzone, Piscopo. In panchina: Minno, De Cerchio, Regnani, Zammillo. All. Carbonella.

ARBITRO: Sassanelli di Bari.

MARCATORE: De Benedictis 23’ p.t.

NOTE: Ammoniti: De Padova, Ciaramitaro e Amato. Angoli 6-1 per l’Ostuni.

venerdì 17 ottobre 2008

Liberty Bari - Nardò 0-0

Prestazione generosa e di sostanza dei ragazzi di mister Longo. Un Nardò ordinato e compatto riesce a bloccare la vicecapolista sul proprio terreno. Occasioni da goal di De Benedictis e Patera. Bravo Bassi a sventare le minacce libertine. Punto importante.

LIBERTY: Anaclerio, Schettini, Rubini, Menga, Costantino, Carlucci A., Uva, Visceglia, Suarez, Bitetto, Loseto F. (14' st Carminati). A disp: Loporchio, Tridente, Zaccaro, Massarelli, Damiani, Moramarco. All. Catalano.

NARDO': Bassi, Mastria, Buono, Polo, Citto A., Esposito, Patera, De Padova, De Mitri, Montefrancesco (13' st Lepore), De Beneditcis. A disp: Di Marco, Zollino, Montefusco, Quarta, Striano. All. Longo.

ARBITRO: Gagliani di Brindisi. Assistenti: Fidanza (Taranto) e Pietroleonardo (Barletta).

NOTE: Giornata primaverile, terreno di gioco sconnesso. Spettatori 150 circa con una trentina da Nardò. Ammoniti Carlucci, Visceglia e Suarez (Liberty); Mastria, Citto, De Mitri e De Benedictis (Nardò). Angoli: 2-2.

domenica 12 ottobre 2008

Nardò - Copertino 1-1


Un Toro indomabile tiene testa al quotato Copertino. Apre le marcature un sontuoso De Benedictis, pareggia nel finale Quaresimale. Rammarico per la vittoria mancata ma punto comunque pesante.NARDO’: Bassi, Mastria, Collaro, Polo (montefrancesco 42’ s.t.), Citto, Esposito (Quarta 12’ s.t.), Patera, De Padova, De Mitri, Lepore (Buono 19’ s.t.), De Benedictis. In panchina: Di Marco, Zollino, Striano, Masciullo. All. Longo.


COPERTINO: Musacco, Carrino, Cottin, Riontino, De Benedictis, Martina (Contessa 33’ p.t., Palmisano 16’ s.t.), Verdesca, Quaresimale, Brescia (Frisenda 1’ s.t.), Mitri, Vadacca. In panchina: Bellino, De Razza, Romano. All. Mosca.


ARBITRO: Strippoli di Bari.
MARCATORI: De Benedictis 1’ s.t., Quaresimale 37’ s.t.
NOTE: ammoniti Collaro, Polo, De Benedictis, Lepore, Bassi, Quarta (N), Riontino, Mitri, Palmisano (C). Angoli 4-3 per il Nardò.


Se a fine partita al Nardò resta solo la magra consolazione di aver rimesso in moto la classifica, allora significa che il derby ha davvero capovolto valori e aspettative. Alla resa dei conti infatti a rischiare seriamente lo schianto è stato il Copertino, che raggiunge il pareggio con enorme difficoltà, nell’unica occasione in cui inquadra lo specchio della porta, al culmine di una reazione prevalentemente emotiva. Il sogno del Nardò invece sfuma ad otto minuti della fine, ma non si porta via il bello di una prestazione ricca di abnegazione e determinazione. La sensazione, al termine di novanta minuti combattutissimi anche se esteticamente e qualitativamente di scarsa fattura, è che il Nardò abbia trovato realisticamente la strada per imprimere una svolta ad una stagione finora ricca solo di stenti ed affanni.



domenica 5 ottobre 2008

Real Altamura - Nardò 1-0

Il Nardò più brutto della stagione tocca il fondo ad Altamura. E' bastato un goal di Tranfa nei primi minuti per mandare affondo la traballante barca Granata. Inutili i tentativi di rimonta. Arbitraggio indecoroso.

REAL ALTAMURA: Matarrese, Proscia, Caputo, Vicenti, Soto, Dibenedetto, De Febbo, Di Matteo, Tranfa, Martimucci, Lops. A disp: Portoghese, Maresca, Di Ciommo, Bellante. All. Tudisco.

NARDO': Bassi, Mastria, Montefusco, Lepore, Buono, Esposito, Striano, De Padova, De Mitri, Camilleri, De Benedictis. all. Lepore.

Rete: al 9' Tranfa.

Giornata soleggiata, terreno erboso, circa 200 spettatori di cui una trentina neretini.

giovedì 2 ottobre 2008

Locorotondo - Nardò 2-1

Non basta il coraggio quando la sfortuna è in agguato. Il Nardò ha lottato con caparbietà reagendo al primo goal con Polo. Nel s.t. il Loco trova una deviazione vincente in barriera vanificando gli sforzi dei Granata. Più dura del previsto.

LOCOROTONDO: Maggi, Lisi, De Blasio, Monticelli, Campanella, Baldassarre, Lobascio, Cassano, Beltrame, De Tommaso, Maurelli. A disp. Petruzzelli, Convertini, Diamante, Luciani, Zigrino, Paparella, Di Bari. All. De Giovanni.

NARDO': Bassi, Mastria, Collaro, Citto, Esposito, Tartaglia, Polo, De Padova, Patera, Striano, De Mitri. a disp. Di Marco, Zollino, Buono, Lepore, Montefusco, Masciullo, Camilleri. all. Lepore Massimo.
Reti: al 15' De Tommaso (L), al 20' Polo (N), al 70' De Blasio(L)

domenica 28 settembre 2008

Nardò - Casarano 0-2

Un Nardò ordinato e prudente non basta a contenere le giocate vincenti del Casarano. I Granata reggono fino al goal di Bonaffini al 38'. Nella ripresa il Nardò generosamente in avanti senza trovare il colpo vincente. Chiude i conti Villa al 94'.

NARDO’: Bassi, Mastria, Collaro, Tartaglia, Citto, Esposito, Striano, DePadova, De Mitri (Fontana 25’ s.t., Marchetti 38’ s.t.), Volturno (Masciullo 36’ s.t.), Patera. In panchina: Di Marco, Buono, Montefusco, Polo. All. Lepore.

CASARANO: Leopizzi, Rollo, Fazio, Marchi, Niccolini, Calabro, Bonaffini, Rocco (Rosciglione 39’ s.t.), Sanguinetti (De Icco 45’ s.t.), Villa, D’Anna (Palma 36’ s.t.). In panchina: Calò, Seclì, Aragao, Presicce. All. Bianchetti.

ARBITRO: Mazzei di Brindisi.

MARCATORI: Bonaffini 40’ p.t., Villa 48’ s.t.

NOTE: ammoniti: Mastria, Esposito, Rocco e D’Anna. Angoli 4-2 per il Nardò.

Coppa Italia: Sogliano - Nardò 4-1

Il Nardò incassa una prevedibile sconfitta schierando una formazione under 20. I Granata passano in vantaggio con Masciullo e tengono bene il campo prima di subire il ritorno del Sogliano in campo coi titolari.

SOGLIANO: Micheli, Fracella, Ingrosso, Branà, Biasco, Melissano, Tundo, Lillo, Manco, Tondo, Gaetani.
NARDO': Di Marco, Zollino, Montefusco, Lepore Mino, Collaro, Mastria, Scigliuzzo, Montefrancesco, De Mitri, Masciullo, Camilleri.
Arbitro. Basso di Taranto.
Reti: al 4' Masciullo (N), al 35' Tondo (S), al 44' Tundo (S), al 75' Ricciato (S), all'88' Manco (S)

lunedì 22 settembre 2008

Terlizzi - Nardò 2-0

Il Nardò si scioglie davanti al Terlizzi. Mai realmente pericolosi, i Granata subiscono le iniziative dei baresi e incassano una sconfitta senza attenuanti. E domenica arriva il Casarano.

TERLIZZI: Lovecchio, Ricci, Bonasia, Landi, Ricci, D'Ambrosio, Grasso, Anaclerio, Manzari, Conteduca, De Francesco.

NARDO': Bassi, Marchetti, Collaro, Tartaglia, Buono, Esposito, De Padova, Polo, Fontana, Volturno, De Benedictis.

Arbitro: Bottura di Crotone

Reti: al 28' Manzari, al 53' De Francesco

NOTE:Giornata grigia, spettatori 200 circa di cui una quarantina neretini, terreno sintetico.

venerdì 19 settembre 2008

Nardò - Tricase 1-2


Il Toro cade con l'ultimo tiro. Primo tempo di grande sofferenza e Tricase in vantaggio. Reazione Granata nella ripresa e pari di Citto. Finale convulso e beffa al 95'. Un colpo durissimo.

NARDO’: Bassi, Marchetti, Collaro, Lepore (De Padova 3’ s.t), Esposito, Citto, Polo, Tartaglia, Patera (Fontana 28’ s.t.), Volturno (Masciullo 30’ s.t.), De Benedictis. In panchina: Di Marco, Buono, Mastria, Zollino. All. Lepore

TRICASE: Cesari, Moretto, Scazzi (Giannuzzi 31’ s.t.), Potì, Della Bona, De Filippi, Gigante (Stefanelli 23’ s.t.), Carlà, Crupi, Iovino, Moreno (Greco 31’ s.t.). In panchina: Di Ponzio, D’Ignazio, Magistri, Pellegrino.

ARBITRO: Mastrodonato di Molfetta.

MARCATORI: Carlà 33’ p.t., Citto 10’ s.t., Iovino 45’ s.t.

NOTE: amoniti De Benedictis, Citto, Polo e Carlà. Angoli 6-1 per il Tricase.

domenica 14 settembre 2008

Castellana - Nardò 3-3

Un Nardò spigliato e intraprendente sfiora la vittoria in trasferta. Toro subito in goal con Volturno, raggiunto da Mastellone. I granata prendono il largo con un gran goal di Patera e uno di De Benedictis. Il Castellana rimonta con un rigore di Lopriore e un goal di Maggipinto. Un bel Nardò.

NARDO': Bassi, Zollino, Buono, Esposito, Collaro, Patera, Tartaglia, Polo, De Padova, Volturno, De Benedictis. All. Lepore Max. A disp. Di Marco, Citto, Montefusco, Lepore, Camilleri, Scigliuzzo, Masciullo, Fontana.

CASTELLANA: Gemmati, Sigrisi, Viale, Bernè, D’Ursi, Maggipinto, Tunzi, Laporta, Mastellone, Salvati, Lopriore. All. De Luca. A disposizione: Lacenere, Carloforte, Laera, Tortelli, Gentile.

Arbitro: Pavone Gaetano (Barletta)
Assistenti: Pignatelli Alessio (Taranto) e Greco Christian (Taranto)

Reti: al 2' Volturno (N), al 6' Mastellone (C), al 18' Patera (N), al 28' De Benedictis, 44' Lopriore rig. (C), al 65' Maggipinto (C)

sabato 13 settembre 2008

Vergaro se ne va

La Nuova Nardò Calcio comunica che il sig. Claudio Vergaro non è più il Presidente onorario della società granata. Una decisione inevitabile ma che, allo stesso tempo, non crea alcun sconvolgimento sostanziale. Alla base di questa decisione ci sono alcune divergenze riguardanti le linee guida da seguire e le strategie societarie da adottare per la stagione in corso e per il futuro di questa società. Si tratta di un segnale di cambiamento che presuppone nuove mentalità e organizzazione e si pone come obiettivo principale il rafforzamento della Nuova Nardò calcio con l’ingresso di nuove forze imprenditoriali serie e motivate. Il processo di riorganizzazione societaria ha l’intento di creare un modello societario più semplificato e elastico perché risponda al meglio alle aspettative dei tifosi. Serietà e trasparenza sono il target fortemente voluto dall’attuale staff societario e che ha come priorità assoluta il risanamento del bilancio, necessario e fisiologico, che porti nell’immediato futuro credibilità e serietà. Nei prossimi giorni verrà designato un nuovo Presidente; la struttura operativa esistente della società non subirà cambiamenti.

domenica 7 settembre 2008

Nardò - Massafra 0-2


NUOVA NARDO' : Bassi, Citto, Montefusco, Tartaglia, Buono, Esposito, Patera, Polo, Fontana, Volturno, De Padova.
A disp.: Di Marco, Collaro, Lepore, Zollino, Masciullo, Camilleri, De Benedictis.
All: Lepore

MASSAFRA: Leone, Nazaro, Montanaro A., Speciale, Pastullo, Zaccaro, Macaluso, Montecasino, Montanaro I, Magno, De Virgilio.
A disp: Cantore, Lucarelli, Piccolo, Taurino, Leo, Ferrara, Ricci.
All: Pettinicchio

Arbitro: DORONZO di Barletta

Partenza sottotono del Toro.
Al 15. Citto atterra in area l'avversario diretto a rete. Doronzo decreta il rigore che viene siglato da Montanaro. E' 0-1.
30. min Lieve reazione del Nardò, calcio di punizione di Buono sulla barriera. Poi cross di Patera per De Padova che spedisce sopra la traversa.
40. Punizione di Volturno deviata in angolo dalla barriera. Sullo stesso calcio d'angolo Leone manca la presa e il pallone viene deviato pericolosamente su De Padova e termina di poco fuori. 45. si conclude il primo tempo ma ci si aspetta un Nardò più incisivo in attacco.

47. Azione pericolosa del Nardò, Patera da posizione angolata spedisce fuori.
60. Contropiede del Massafra e raddoppio di Montanaro I.
Esce Buono ed entra De Benedictis
A 10 dalla fine buona occasione di Fontana, poi traversa di Volturno
Zollino entra al posto di Patera.
La stanchezza ed il caldo si fanno sentire.
85'Rigore per il Nardò. Tiro centrale di De Benedictis. Il portiere para.... Finale.

Eccellenza 1.a giornata

Ostuni – Corato 2 -0
Nardò – Massafra 0 – 2
Casarano – Castellana 1 - 0
Terlizzi - Tricase 0 - 1
Copertino – Lucera 2 - 1
Boys Brindisi – Sogliano 1 -0
Putignano – Locorotondo 0 - 2
Real Atamura – Japigia 0 - 0
Liberty Bari – Bisceglie 0 - 0

venerdì 5 settembre 2008

L'augurio del presidente

Il presidente, la società, lo staff e i giocatori della Nuova Nardò Calcio, soddisfatti della volontà dei gruppi organizzati di sostenere la squadra e la gloriosa maglia granata, aprono la stagione 2008/2009 con l'augurio che questo campionato, nato tra mille difficoltà, sia fra i più belli e combattuti di sempre, nel rispetto delle regole e del comportamento nei confronti degli avversari.
Un doveroso "in bocca al lupo a tutti" ed un buon campionato ai nostri impareggibili tifosi, cercheremo di essere alla vostra altezza.Forza Nardò!

giovedì 4 settembre 2008

Il ritorno degli ultrà.

COMUNICATO STAMPA ULTRAS NARDO’
Tempo fa abbiamo diramato un comunicato stampa in cui informavamo circa la nostra decisione di non sostenere le sorti della Nardò Calcio a causa di una totale mancanza di fiducia nei confronti della proprietà. Giorni scorsi abbiamo avuto un incontro con il Presidente Onorario Claudio Vergaro in cui ci veniva prospettato il progetto di risanamento e gli obbiettivi di questa società nel breve e lungo periodo sottolineando l’importanza del nostro appoggio in termini di tifo e sostegno.
Le nostre idee e le nostre convinzioni non sono venute a meno almeno fino a quando non si comincerà a dare seguito ai programmi e alle parole con i fatti. Abbiamo però deciso di continuare a fare quello che sappiamo fare meglio ossia il tifo. Abbiamo deciso di cambiare idea e di sostenere la nostra squadra solo per la maglia e per quello che i colori granata rappresentano dentro di noi.
Tiferemo e sosterremo il Nardò difendendo, come sempre, i nostri ideali, la nostra storia e la nostra città. E’ una nuova sfida in cui tutti noi abbiamo messo da parte qualcosa per onorare la nostra maglia ed i nostri colori. Non lo faremo a testa bassa ma saremo vigili affinchè questa crisi che dura ormai da 5 anni possa avere un epilogo positivo. Noi ci saremo. Prenderemo parte alla partita come sempre e da protagonisti. Lo merita la nostra storia e lo merita la nostra città.
ULTRAS NARDO’

lunedì 1 settembre 2008

NUOVA NARDO' -ATLETICO NARDO' 4-1


Un Nardò tonico e combattivo vince strappando applausi. Apre le marcature De Padova, quindi il goal dell'ex Lubello e il nuovo vantaggio con Buono. Nel s.t. ancora Buono in goal e sigillo finale di Voltuno. Applausi per tutti.

NARDO': Di Marco, Zollino, Buono (Collaro al 70'), Esposito, Montefusco, De Padova, Lepore Min. (Citto al 60'), Polo, Fontana, De Benedictis (Masciullo all' 85'), Volturno. A disp. Polverino, Presicce, Camilleri, De Mitri. All. Lepore Max

ATLETICO NARDO': Cirignaco, Rizzo Sim., Greco, Rizzo Sal., Polo, Siciliano, Lubello, Mastria, Margagliotti (al 70' Casaluci), Cordella, Aralla. A disp. Sicuro. All. Russo.
Reti: al 21' De Padova, al 25' Lubello, al 40' Buono. Nel s.t. al 25' Buono, al 38' Volturno.

Il Nardò più giovane degli ultimi trent'anni schiera ben 7 ragazzi under 20, domina l'incontro sul piano del gioco e dell'agonismo, segna quattro goal di pregevole fattura e lotta su ogni pallone fino all'ultimo respiro. Un esordio simile non ce lo saremmo nemmeno lontanamente sognato appena 20 giorni fa. In soli 20 giorni è stata spazzata via la crisi più nera della storia del calcio neretino. Il Toro sembrava ormai morto invece stasera ha dimostrato di essere vivo, vegeto e voglioso di caricare ancora.

sabato 30 agosto 2008

Fatti e non parole: contratti firmati

Prosegue a ritmo serrato la campagna di potenziamento della Nuova Nardò Calcio. La società di via Rubichi ha definito nelle ultime ore gli ingaggi di ben otto calciatori, si tratta di:

TARTAGLIA Graziano, centrocampista classe ’80. Nel suo passato Francavilla, Brindisi, Ostuni, Avezzano e Nardò.

BUONO Angelo, difensore classe ’81. Ha giocato con Andria, Tricase, Castel di sangro, Lavello, Altamura, Brindisi, Spal Lanciano.

POLO Marco, centrocampista classe ’73. Giocatore esperto ed ex di Casarano, Maglie, Gallipoli, Galatina, Lavello, Giugliano.

DI MARCO Leognano, portiere classe ’88. Secondo stagione a Nardò, ha giocato in passato con Vittoria e Venosa.

MASCIULLO Gianluca, attaccante classe ’83. Dopo l’esperienza nella primavera del Bari ha giocato nel Galatina.

DE BENEDICTIS Natale, attaccante classe ’87. Fratello del più celebre Angelo, bomber al Sogliano. Proviene dal settore giov. del Trapani ed ex del Marsala.

VOLTURNO Luciano, attaccante classe ’78. Calciatore dalla grande esperienza e dal curriculum importante, è dotato di un mancino velenosissimo. La sua carriera: Foggia (B, C1 e C2), Martina, Brindisi, Ostuni, Manduria, Francavilla sul Sinni, Cerignola, Lucera, Bisceglie e Avigliano.

ESPOSITO Stefano, difensore classe ’89. Under di valore, cresciuto nel settore giov. della Cisco Roma, ha militato nella Juve Stabia e nella Spal Lanciano.

Per quanto riguarda il mercato in uscita, da registrare il passaggio alla Neretina del portiere Gabrieli e dei difensori De Iaco e Colasuonno. Al Galatone ceduto Aloisi

giovedì 28 agosto 2008

Varato il calendario

Sarà il Massafra dell'ex Pettinicchio ad aprire le danze al "Giovanni Paolo II" il 7 settembre, poi visita alle grotte di Castellana e quindi derby infrasettimanale il 18col Tricase. derbyssimo alla 5.a col Casarano e dopo due trasferte ancora derby col Copertino.
Calendario interessante ma fasullo, la lega non ha previsto le contemporaneità con l'Atletico Nardò e il 7 settembre una delle due dovrà sloggiare. La prima bufala di Tisci.

sabato 23 agosto 2008

Il Toro torna in campo e vince

Nardò -Veglie 4-1, un gol di Lepore e una tripletta di Masciullo regolano i vegliesi.
Buona prova del Nardò nel primo match amichevole. Dopo essere andati in svantaggio al 2' su un'azione viziata da fuorigioco, i Granata hanno comandato il gioco fino alla fine senza correre altri rischi. Nel p.t. è mancata la concretezza sottoporta nonostante le numerose palle-gol create, nel s.t. ci ha pensato Mino Lepore di testa a pareggiare i conti e l'incontenibile Masciullo, autore di una tripletta, a consegnare definitivamente la vittoria.

Sono emersi i limiti dell'organico soprattutto in fase avanzata ma è piaciuto molto l'impegno e lo spirito di sacrificio con cui Lentini, Buono e soci hanno interpretato la gara.
Ora bisogna completare l'organico entro domenica. Il derby incombe e la caccia ai primi tre punti è già aperta.

Il Nardò si è schierato con la seguente formazione base.
Bassi, Quarta (j), Buono, Collaro, Montefusco, De Padova, Lentini, Lepore, Camilleri (j), De Benedictis, Colapietro (j).
Nel s.t.: Polverino (j), M. Presicce (j), Mastria, Citto, Aloisi (j), Lepore, Schirinzi (j), Fontana, Masciullo, De Mitri (j), Scigliuzzo. All. Massimo Lepore.

venerdì 22 agosto 2008

IO MI ABBONO… SONO GRANATA!

La Nuova Nardò Calcio comunica che da oggi prende il via la campagna abbonamenti 2008/2009 per assistere alle gare interne della squadra.
Le tessere saranno in vendita presso la sede della società granata sita in Via Rubichi, 5 (aperta dal lunedì al venerdi dalle ore 18.30 alle ore 20.30) fino al 13 settembre.

Ogni acquirente potrà acquistare la tessera presentando un documento d’identità originale.

SETTORE
ABBONAMENTO +
BIGLIETTO INTERO

Tribuna centrale *
€ 150 (17 gare)
€ 10

Tribune laterali *
€ 90 (17 gare)
€ 7

Tribune laterali - ridotto *
€ 60 (17 gare)
€ 5

Donne
€ 60 (17 gare)
€ 5

* IMPORTANTI NOVITA’:

Rispetto allo scorsa stagione riduzioni sostanziali del prezzo del biglietto e dell’abbonamento.

Innalzamento della fascia giovane aventi diritto al biglietto ridotto (dai 14 ai 18 anni). Over 65 e donne biglietto ridotto. Ragazzi inferiori di 14 anni ingresso allo stadio gratis.

Le tessere saranno nominative.

lunedì 18 agosto 2008

Crisi chiusa. Vergaro è il nuovo presidente.

NUOVA NARDO' CALCIO
COMUNICATO STAMPA - 02/2008

Oggetto: Prima dichiarazione ufficiale del nuovo Presidente e organigramma societario per la stagione 2008/2009

Gentilissimi giornalisti,
vi prego di dare opportuna informazione a queste notizie sulle vostre testate/emittenti:

“Prendo le redini della Nuova Nardò Calcio, la squadra di cui sono accanito tifoso fin da piccolo. Insieme ad un gruppo di dirigenti cercherò di applicare una nuova mentalità organizzativa: l’obiettivo è quello di produrre calcio senza lo sperpero economico folle che ormai caratterizza questo sport in tutte le categorie. Il nostro budget di risorse è limitato e non possiamo permetterci spese e sperperi inutili, le priorità son ben conosciute da tutti, in primis il risanamento debitorio della società. Proprio in questa ottica mi sono circondato di persone che hanno la consapevolezza dei rispettivi ruoli e delle proprie responsabilità, un gruppo dinamico e motivato a cui bisogna dare merito per lo sforzo enorme che stanno compiendo per dare continuità alla storia di questa gloriosa maglia e di questa squadra e che in città ha un forte impatto sociale. Ciascuno di essi però ha bisogno di segnali positivi e di rispetto da parte della tifoseria, elementi basilari per l’inizio di una stagione partita tra mille difficoltà. Per il bene del Nardò quindi, è necessario, da parte di tutte le componenti, un supporto passionale degno della tradizione calcistica della nostra città. Gli obiettivi minimi cui ci siamo preposti non sono altrimenti raggiungibili.
Con i miei collaboratori si sta cercando di creare una squadra dignitosa e che possa lottare a testa alta ovunque, ottenere una salvezza tranquilla, sarebbe il giusto premio a quanto lavoro è stato fatto in questi giorni e a quanto ancora verrà fatto. Il gruppo che sta crescendo fa respirare ottimismo, un gruppo costruito attorno a giovani volenterosi e di belle speranze, con una caratteristica fondamentale, siamo quasi tutti neretini.
In conclusione mi sembra doveroso nei confronti dei nostri tifosi un invito a supportare la nostra causa, così come hanno sempre fatto in passato e in maniera encomiabile. Viviamo questa avventura tutti insieme, compatti e con un unico obiettivo: creare attorno a questa squadra un'atmosfera di chiarezza e di serenità che coinvolga tutta la città, oggi c’è il bisogno di tutti. Siamo coscienti che il percorso non sarà certo dei più facili, ma per recuperare e mantenere credibilità ed affezione intorno a questa maglia e per far si che il Toro torni a lottare non c’è altra strada da seguire. Buon campionato a tutti.”

Il Presidente Onorario
Claudio Vergaro

Organigramma societario:

Presidente Onorario: Claudio Vergaro
Direttore Generale: Francesco Vergaro
Allenatore: Massimo Lepore
Direttore Sportivo: Gianni Inguscio
Team Manager: Pantaleo Lepore
Addetto Stampa: Antonio Obbiettivo
Organizzazione & Marketing: Tiziana Peluso
Segretario Federale: Filippo Rocco
Dir. Accompagnatori: Martano Toni, Ruggieri Vittorino, Giannuzzi Cesario
Magazziniere: Fedele Giancarlo

giovedì 14 agosto 2008

La situazione sulla GdM

Salvatore Manca.

Resta ancora nebuloso il futuro della Nuova Nardò calcio, anche se l’idea lanciata dai tifosi, quella cioè di una quadra di giovani sta prendendo corpo. Da ieri infatti un gruppo di giocatori agli ordini del tecnico Massimo Lepore, sino a giugno scorso allenatore del settore giovanile granata, ha iniziato la preparazione nella quiete della pineta di Portoselvaggio. Del gruppo a disposizione di Lepore si registra, tra tutte, la presenza di Danilo Bassi, che proprio qualche giorno fa aveva lanciato un appello a che il Nardò non sparisse e che ora ha dato la sua disponibilità. Poi ancora il terzino Montefusco, già da due anni con il Nardò, e il centrocampista Le pore, anche lui del gruppo degli under. Poi si sono aggregati l’ex terzino del Tricase Buono e l’ex calciatore del Galatina De Padova. Di questo gruppo fanno parte anche molti giovani del vivaio granata. Come dicevamo, l’idea dei tifosi è partita proprio in assenza di altre soluzioni convincenti, ma che al momento deve essere interpretata come un segnale forte a tutta la città che il calcio granata non vuole assolutamente sparire. Ma va detto che su questa linea si è registrata anche una certa diversità di vedute proprio da parte dei tifosi. C'è infatti chi sostiene che questa linea abbia in qualche modo levato le castagne dal fuoco sia all’amministrazione comunale che alla stessa proprietà proprio nel momento più difficile della crisi. C'è chi invece è convinto che questa partenza un po' azzardata serva invece sia a consentire al Nardò di onorare tutti gli impegni, a partire dalla Coppa Italia e sia a chi volesse farsi avanti in prima persona di iniziare con il sostegno dei tifosi e di un gruppo di calciatori già a disposizione.

Il Nardò va avanti.

Positiva riunione tra l'assessore Russo, il candidato presidente Vergaro e mister LEPORE.
Confermata la volontà di "prendere" la squadra da parte di Vergaro.
Ora possono arrivare altri giocatori per completare la squadra con elementi di qualità.
Lepore più tranquillo.

In mattinata seduta di allenamento al Polivalente di Galatone. Nel pomeriggio giocatori liberi.

lunedì 11 agosto 2008

Primo allenamento Granata

I ragazzi di Lepore si sono radunati a Porto Selvaggio per il primo allenamento ufficiale della stagione.

Ai ragazzi della juniores si sono aggregati tre acquisti del Gallipoli (Patera, Caricato e Zilli), i fuoriquota Mino Lepore e Mattia Montefusco, e tre seniores, Bassi, Buono (ex Andria e Tricase), De Padova (ex Copertino).
Altri giocatori si aggregheranno nei prossimi giorni tra cui Malerba.

Domani prevista doppia seduta.
In mattinata sgambata a Porto Selvaggio, nel pomeriggio rifinitura allo stadio.

Da notare la costante disponibilità dell'assessore Maglio, mentre il nuovo socio attende ulteriori chiarimenti.

venerdì 8 agosto 2008

Soluzione in vista

Soluzione in vista per la crisi del Nardò.
L'imprenditore di riferimento si chiama Claudio Vergaro, neretino d'origine ma residente in Toscana.
Esperienza nel calcio dilettantistico (Serie D) e soprattutto nell'ambito del calcio giovanile.
Vergaro si inserirà nel discorso ormai avviato da Russo di risanamento della società e di passaggio di ragione sociale (asd).
Non sarà solo ma avrà altri imprenditori toscani a coadiuvarlo.
Fermo sostenitore di un calcio sobrio, contrario agli sprechi, crede nella programmazione e nella valorizzazione dei giovani.
Vergaro si inserisce su quel segmento di organigramma tracciato in questi giorni di autogestione che vede in Lepore l'allenatore prescelto, l'avvio dell'attività agonistica partendo dalla juniores con l'inserimento di 4-5 elementi di esperienza e di qualità.
Budget ridotto all'osso ma necessaria organizzazione delle risorse umane e monetarie.
Ci sarà un Direttore Sportivo, probabile Gianni Inguscio (un lusso per questa categoria).
Personalità decisa ma dai toni umili, Vergaro sembra l'antitesi del presidente arringatore delle masse, ha spazzato via ogni discorso legato a interessi politici o imprenditoriali.
Proto è ormai un lontano ricordo.

Sarà la soluzione giusta?
Piacerà ai tifosi?
Al campo l'ardua sentenza.

Intanto il Toro caricherà ancora!

giovedì 31 luglio 2008

Conferenza stampa alle 16.00

Oggi, giovedi 31 luglio ore 16.00, conferenza stampa dell'assessore con delega allo sport Flavio Maglio nei locali del Comune.
Oggetto: la situazione societaria del Nardò calcio alla luce delle verifiche condotte dalla commissione comunale.

martedì 29 luglio 2008

Riunione in Comune: l'ennesima farsa

L'ennesima farsa per non decidere nulla.
Neanche oggi il Comune ha fatto chiarezza. Neanche oggi la proprietà ha scoperto le sue carte.
Assente il sindaco è stato l'assessore con delega allo sport Flavio Maglio a conferire.
In sostanza si è detto che bisogna attendere le intenzioni di Cosimo Prete, titolare delle quote di maggioranza della Nuova Nardo calcio srl, prima di poter agire.
Una dichiarazione che ha fatto sbigottire i tifosi intervenuti.

La settimana scorsa Russo in conferenza aveva dichiarato che il titolo era ormai nelle mani del sindaco ed oggi apprendiamo che bisogna ancora attendere "le strategie" del titolare delle quote?
Ma a che gioco stanno giocando questi signori?
Hanno proprio deciso di strozzare il Toro?
I tifosi sono stanchi di essere presi in giro. Tutto ciò che stanno costruendo i tifosi viene scientificamente smontato dal Comune e dalla proprietà.
Attenti questa è la strada che porta alla fine.

lunedì 28 luglio 2008

Tutti insieme per sostenere il Toro!

Martedi 29 luglio ore 9.00 riunione decisiva presso il Comune per le sorti del Nardò. Tutti insieme in piazza Cesare Battisti a sostenere il Toro.
E' il momento della svolta.
Chi vuole il bene del Toro non può mancare!

domenica 27 luglio 2008

Il Nardò non deve morire

Puntuale come la rata di un mutuo si è ripresentata la crisi estiva del calcio di casa nostra. Una puntualità disarmante. Una sorta di appuntamento fisso nel cartellone degli eventi dell’estate neritina che però non attrae più nessuno. Una commedia dalla trama sempre uguale, con gli stessi attori e con un finale scontato e umiliante. Puntuali i girotondi farseschi e mai nessuno che dica “mea culpa”. Tutti angeli candidi o semmai abili martiri sui gradini dell’altare granata. Ma per uno strano gioco del destino quelli che ci rimettono irrimediabilmente siamo solo e sempre noi. Noi che sputiamo il sangue per questa piccola creatura cinquantenne e che rifiutiamo l’idea di dover chiudere bottega. Oggi la nostra voce è un urlo. Noi gridiamo con tutta la rabbia in corpo: IL NARDO’ NON DEVE MORIRE.

Ci sono 50 anni di storia da difendere, una storia fatta da protagonista anche da chi ci amministra e che pensiamo non sia assolutamente insensibile di fronte a questo patimento. Quella maglia n. 1 sbandierata dopo la vittoria elettorale tradisce dei sentimenti condivisi. Le gioie e i dolori non si cancellano con un colpo di spugna. Questa città deve venire fuori una volta per tutte! Le risorse ci sono; è la volontà che latita. Non possiamo, non vogliamo e non dobbiamo essere spettatori inerti di una morte annunciata. NOI CI CREDIAMO.

Non siamo qui a puntare il dito ad indicare i colpevoli. Oggi non serve. Le nostre convinzioni una volta tanto le teniamo nascoste nel cassetto. Oggi vogliamo essere pratici: oggi vogliamo la salvezza del Nardò. Siamo pronti a sposare con la passione di sempre progetti di salvezza e di campionati dignitosi con spese contenute, purché fatti nella costante della serietà e della trasparenza di gestione. Programmazione, piano di risanamento, oculatezza nella amministrazione delle risorse non sono argomenti impossibili. Sono i percorsi necessari per continuare a mettere i mattoni sulla storia. Ma c’è un passaggio doveroso da compiere. La cessione delle quote. Per soluzione definitiva intendiamo il cambio della proprietà e il risanamento del debito, con la supervisione, dell’amministrazione comunale o di una persona di fiducia. Siamo certi che questo è possibile .

Sig. Sindaco il titolo nelle sue mani ha bisogno di una nuova proprietà. Sindaco Vaglio noi le chiediamo di mediare per ovviare a questa crisi e nella massima trasparenza possibile porre un piano di rilancio per permettere di salvare la Nuova Nardò calcio. Sig. sindaco, amministratori, imprenditori, cittadini e tifosi tutti. Noi il 31 agosto vogliamo essere sulle tribune a cantare a gridare a gioire e a piangere per la maglia granata. L’unica, l’originale, l’inclonabile! Metteremo in atto tutte le iniziative lecite possibili per sensibilizzare la città a non disperdere un patrimonio per noi vitale.

Club Fedelissimi South Boys Nardocalcio.com

venerdì 25 luglio 2008

De Gregorio attende segnali

Che cosa succederà
ora dopo l’uscita di scena
di Luigi Proto? La Nuova Nardò
calcio riuscirà a partecipare
in maniera dignitosa al campionato
o dovrà alzare bandiera
bianca sin da ora? Sono gli
interrogativi che tifosi e addetti
ai lavori si pongono nel
tentativo di trovare una risposta,
che al momento è davvero
difficile dare. E ancora c'è chi
sostiene che l’abbandono di
Proto sia stato voluto perché ci
sarebbe pronta un’altra soluzione.
Ma da parte di chi?
Al momento invece sulla vicenda
sembra calato il silenzio.
L’amministrazione comunale,
dopo aver partecipato con il
delegato allo sport Flavio Magl
i o alla riunione che ha preceduto
le dimissioni di Proto,
non ha ancora fatto sentire la
sua voce. Chi detiene ancora le
quote sociali ed è dunque a
tutti gli effetti il proprietario
del Nardò non ha al momento
preso nessuna iniziativa.
Ed il tecnico Andrea De
Gre gorio, rimasto sorpreso e
dispiaciuto per come è andata
questa vicenda, per il momento
ha deciso di restare fermo. «Un
fulmine a ciel sereno - dice -
Non so che dire. Avevamo fatto
una scelta con il presidente.
Avevo chiesto delle certezze, e
mi aveva detto che il progetto
era sicuramente ambizioso,
anche se la priorità era la costruzione
della società. C’era -
no le condizioni per un buon
programma triennale. Stavamo,
insomma, guardando soprattutto
al futuro, ma senza
ancora muoverci. Poi quando
sembrava che tutto si fosse risolto,
il presidente mi ha informato
di quanto stava accadendo.
Rispetto e ringrazio i
tifosi che mi hanno anche chiamato.
Sono dispiaciuto per il
presidente Proto che mi è sembrata
una persona distrutta e al
quale va la mia solidarietà».

Salvatore Manca - Gazzetta del Mezzogiorno

giovedì 24 luglio 2008

Proto vittima di un complotto

Proto sulla Gazzetta del Mezzogiorno

SALVATORE MANCA
Come già annunciato
ieri, Luigi Proto non è più il responsabile
del Nardò calcio. Nel corso
di una conferenza stampa, durante
la quale Proto non è riuscito a
nascondere una certa emozione, ha
spiegato le ragioni di una scelta, che,
ha detto, «forse avrei dovuto fare
prima». «Probabilmente in questi
ultimi giorni ho ragionato più da
tifoso che da imprenditore e da presidente
di una società - ha aggiunto -
Però alla fine mi sento quasi silurato.
Io ho programmato la stagione
puntando anche sugli sponsor
che mi erano stati promessi e che mi
avrebbero sostenuto in questo progetto.
Invece mi sono sentito solo,
con uno sponsor che mi è stato letteralmente
tolto. Forse non sono gradito
a qualcuno. Forse questo progetto
non doveva essere realizzato.
Quindi in queste condizioni non sono
in grado di portare avanti un’al -
tra stagione».
E adesso cosa succederà?
«La squadra è stata regolarmente
iscritta. Ho preso degli impegni con
alcuni giocatori e chi verrà dopo di
me potrà decidere se mantenerli o
no».
E proprio durante la conferenza
stampa ieri mattina è arrivato in
sede l’argentino Juare z, che ignaro
di quanto stava accadendo si era
presentato per la firma del contratto.
Proto non intende parlare dei rapporti
con l’amministrazione, del passaggio
delle quote sociali e di quant'altro.
Rivolge solo un ringraziamento
particolare: «Devo ringraziare
quanti hanno collaborato con me
nella passata stagione e all’inizio di
questa e devo dire un grazie particolare
ai tifosi, gli unici che comunque
mi hanno dato delle soddisfazioni.
Mi dispiace molto per
loro, perché avrei voluto un epilogo
diverso. Io mi sento uno di loro, con
la stessa rabbia, la stessa delusione,
la stessa amarezza, lo stesso groppo
in gola». E i tifosi, attraverso il loro
sito, hanno voluto ringraziare Proto
per quanto ha fatto in questi 12
mesi.
Intanto, il tempo stringe e bisogna
dare una risposta chiara alla tifoseria.

mercoledì 23 luglio 2008

Mi hanno silurato

"Mi hanno silurato tutti!". Queste le lapidarie parole di Proto a microfoni spenti.

Niente contributi per il risanamento, niente azione mediatrice del sindaco e soprattutto niente main sponsor. Queste le premesse per gettare la spugna.

Proto aveva concordato un sistema di risanamento dei debiti, aveva progettato tecnicamente il passaggio di ragione sociale da SRL a ASD, aveva ottenuto gli accordi di base per gestire lo stadio autonomamente come si addice ad una grande società, aveva di fatto allestito una squadra competitiva, ma tutto questo è stato ridotto in cenere dalle logiche spartitorie di frange di potere politico sempre più voraci.

Così ha voluto la "proprietà".

Ha voluto la fine del progetto-Proto. Ora la "proprietà", quella che in questi anni ha fatto sprofondare il Toro nella voragine dei debiti fuori controllo deve assolutamente cercare una soluzione immediata. Deve mettere subito in campo uomini e risorse per salvare il Nardò da fine certa. Deve venire allo scoperto e non tirare i fili occultamente. Il Nardò deve vivere. Della sua eventuale fine devono rispondere i veri mandanti davanti a tutti. Una volta per tutte.

A Proto va il nostro ringraziamento incondizionato per aver cercato in tutti i modi di portare avanti tra mille difficoltà una nave piena di falle. Non è bastata la sua intelligenza e la sua caparbietà. Tutti si sono serviti di lui nel momento del bisogno per poi farlo fuori quando stava riuscendo a risolvere i problemi atavici del Nardò. Domani Luigi Proto potrà camminare a testa alta nella sua città, una città che non lo merita. Grazie Presidente.


Alexx per Nardocalcio.com

Proto verso le dimissioni.

Ore 12 presso la sede sociale di via Rubichi, conferenza stampa del Presidente Proto.
Saltato il colloquio chiarificatore col sindaco si va verso le dimissioni.

martedì 22 luglio 2008

Aria pesante.

L'avevamo temuto ed è avvenuto: è di nuovo crisi.
I segnali del resto erano abbastanza chiari, una settimana di stallo del calciomercato non poteva spiegarsi diversamente.
Cause della crisi? Strategie e risorse per il ripianamento del debito. I conti a Proto non quadrano e ci vuole vedere chiaro. Fortunatamente gli accordi raggiunti col Comune (gestione stadio e sponsor) sembrano tenere ma è il contributo alla rateizzazione del debito che sta mancando.
Domani mattina (23 luglio) previsto un incontro col Sindaco in qualità di mediatore.
Speriamo in bene.

Noi del Toro non molliamo mai.

Alexx per Nardocalcio.com

lunedì 21 luglio 2008

Siamo in ritardo

Il Nardò versione 2008-09 continua ad accumulare ritardo sulla sua costruzione. La maggior parte delle avversarie sembra ormai prossima al completamento delle operazioni di mercato e alla presentazione ufficiale della squadra mentre il Nardò continua ad essere solo un'ipotesi.

Gli accordi raggiunti con i giocatori non sono stati contrattualizzati e neanche oggi è stato fatto un passo avanti. Dopo una settimana di stand by se n'è riaperta un'altra con un rinvio e intanto perdiamo i pezzi per strada.

Antico è ormai ufficiale al Pisoniano (che coraggio!) mentre per gli altri si spera di mettere presto nero su bianco prima che cambino idea.
Proto deve dare una sterzata decisiva. Dopo il superamento della crisi ora bisogna ritrovare slancio. Non è più tempo di incertezze e temporeggiamenti. Bisogna agire. Il tifo Granata merita rispetto.

Alexx per Nardocalcio.com

Un Nardò a ranghi incompleti

SALVATORE MANCA - Gazzetta del Mezzogiorno

NARDÒ. E' un Nardò che sta cercando di
mettere a punto tutti i tasselli mancanti per
formare la rosa, a circa una settimana
dall’inizio del ritiro di Telese. L’organico da
mettere a disposizione di mister Andrea De
Gregorio al momento non è completo e la
società sta cercando di accelerare. Dopo la
decisione di Alessio Antico di accasarsi con
il Pisoniano, formazione romana di Eccellenza,
anche per motivi di lavoro, sembra riaprirsi
la possibilità di un ritorno di Calabuig,
il difensore argentino che aveva deciso
di seguire le sirene dell’ex tecnico Toma.
Ma vediamo al momento la situazione della
rosa: I riconfermati della passata stagione
dovrebbero essere il portiere Bassi, i difensori
Modesto, Malerba, Montefusco, e quasi
certamente Lenti; i centrocampisti Tenzone,
Tartaglia e Lepore. Ma a questi potrebbe aggiungersi
Alessandro Parente, lo scorso anno
a Casarano e che potrebbe ritornare a
vestire la maglia granata.
Nelle prossime ore questa trattativa dovrebbe
definitivamente chiarirsi. Poi ci sono
i nuovi giocatori con i quali di fatto è stata
raggiunta l’intesa, ma che dovrebbero firmare
nelle prossime ore: il difensore Mossa, il
tornante Piscopo e l’attaccante Juarez . Dal
Gallipoli invece sonno arrivati 4 under di
buon livello: i due centrocampisti Patera e
Zilli, il difensore Fiore e l’attaccante Caricato.
E non è escluso che dal club di Barba
possa arrivare qualche altro giocatore.
E' invece andato via il tornante De Pascalis,
al momento in prova con il Bari.

domenica 20 luglio 2008

Il solito silenzio.

Il solito silenzio che non promette nulla di buono torna ad aleggiare attorno al Nardò.
E' bastato che scoppiasse una crisetta politica lassù al Comune per gettare nel panico la dirigenza Granata.
Paure, incertezze e si è tornati a temporeggiare in attesa di schiarite.
Il risultato? Mancate contrattualizzazioni e fuga di giocatori ormai "accordati".
Antico ha preferito il Pisoniano (con eventuali benefit lavorativi) mentre Juarez sembra ormai ritornare a Francavilla.
Punto e a capo.
Nulla di nuovo sotto il sole.

sabato 19 luglio 2008

Notizie flash

Antico verso l'addio alla maglia Granata.
Calabuig convocato in prova dal Perugia.
Juarez non convocato dal Francavilla.
Pettinicchio sarà il nuovo mister del Massafra.
Il Casarano sta allestendo una squadra da D per puntare alla C!

giovedì 17 luglio 2008

Si inizia il 7 settembre

Il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Puglia L.N.D., nella riunione del 14 luglio 2008, ha deliberato le date di inizio dell’attività ufficiale della stagione sportiva 2008 - 2009:

• COPPA ITALIA – FASE REGIONALE
Domenica 31 Agosto 2008

• COPPA PUGLIA
Domenica 7 Settembre 2008

• CAMPIONATI REGIONALI - ECCELLENZA / PROMOZIONE
Domenica 7 Settembre 2008

mercoledì 16 luglio 2008

Il Nardò che sta nascendo

Trattative in corso, ingaggi da ufficializzare, partenze e arrivi in atto, proviamo a capire che Nardò sta nascendo.

In panchina Mister De Gregorio. Allenatore giovane ed emergente che ha cozzato però contro le impellenti esigenze di classifica del Francavilla. Rileva la scomoda eredità di Sgobba e soprattutto Toma. Una sfida che vale una carriera.

Reparto arretrato.
Bassi confermato in porta da affiancare ad un portiere juniores dopo la partenza di Di Marco. Ruolo delicato e ancora scoperto.
In difesa sembra esserci abbondanza. Confermati Malerba e forse Montefusco (non più juniores), ingaggiato l'under gallipolino Fiore, sotto la supervisione dei marpioni Antico, Soto, Modesto e l'emergente Mossa dell'Aci Catena (D).
Reparto numericamente e qualitativamente migliorato nonostante l'addio di Calabuig.

Centrocampo.
Via Millan e Speciale, confermato Tartaglia, tornato Parente, in trattativa avanzata Lentini, un under gallipolino Zilli ed eventuali modifiche di assetto rendono la zona nevralgica del campo ancora competitiva.
Parente è una garanzia, Tartaglia è venuto fuori prepotentemente alla distanza, l'arrivo di Lentini darebbe dinamismo e velocità.
Reparto soddisfacente.

Attacco.
E' quello che ha subito le maggiori perdite. Non sarà facile sostituire d'un sol colpo Nobile, Sisalli, De Pascalis, Presicce e mettiamoci pure Zagaria.
Fortunatamente è rimasto Tenzone a dare continuità a cui dovrebbe affiancarsi (trattativa da perfezionare) l'argentino Juarez. Il posto di Presicce dovrebbe andare allo juniores Patera o a Caricato ex Gallipoli referenziatissimi.
Alla voce velocità si piange la partenza dei propulsori Sisalli e De Pascalis ma se la trattativa Piscopo andasse in porto avremmo risolto almeno in parte il problema.
Ci manca ancora qualcosa in quantità e qualità.
Attendiamo sviluppi.

Alexx per Nardocalcio.(blogspot).com

William Horton: un americano a Nardò!




Castillo, Millan, Calabuig, Bonfigli, Zhabov. Tanti stranieri hanno vestito la casacca Granata. Ma chi fu il primo? Le cronache narrano del mitico William Horton. Noi siamo andati a scovarlo in quel di Pisa. Un'intervista che è un pezzo di storia neretina.

Ci saremmo aspettati una voce con cadenza anglofona. Ma, quando spinti dalla solita curiosità oltre che da una fortuita coincidenza, quella di amici in quel di Pisa per studio che erano a conoscenza di questo cognome straniero, mai ci saremmo aspettati quell’accento da “toscanaccio” verace.

La redazione di Nardocalcio.com viene in possesso del numero di telefono di un rivenditore di impianti idraulici. Il nome non lascia scampo a dubbi: Idraulica pisana di William Horton! Ma sarà lui, ci chiediamo incuriositi.

Telefoniamo. “Pronto sono di Nardocalcio.com, chiamo per una curiosità: il William Horton della vostra ragione sociale ha giocato a calcio?”. Ci risponde una voce femminile: “Sì. Certo, ha giocato anche in Puglia, a Nardò!”.

William Horton per molti è stato il primo straniero del Nardò. Eroe e artefice di quella splendida cavalcata che vide i granata nella serie C nazionale nei mitici 60'. Qualcuno ha scritto esser stato un mediano inglese di talento, molti (se non tutti) disconoscono la storia reale di questo personaggio del pallone.

Dopo aver fissato il giorno dell’intervista con la moglie, telefoniamo ad Horton nel tardo pomeriggio di venerdì.

Signor Horton il mondo è piccolo! (Parte una fragorosa risata) Eh sì, ma davvero! Ma non darmi del lei, diamoci del tu!

Sei stato il primo straniero del Nardò. Avvertiva la curiosità della gente?
Alt, un attimo. Io sono italianissimo! Sono nato infatti a Roma da padre americano e, come voleva la regola in voga allora per i militari, oltre al cognome presi la cittadinanza statunitense del mio genitore. Inoltre, mio nonno era tedesco e mia nonna irlandese…e i miei due fratelli vivono a Norimberga. Rispondo alla tua seconda domanda…curiosità, no, a dire il vero no, ma non nego di essermi trovato splendidamente a Nardò, dove la gente con me si è sempre rilevata cordiale e calorosa.

Facciamo un passo indietro? Ci parli della tua carriera?
Sono partito dal Tirrenia dove in qualità di straniero dilettante ho fatto il campionato di Promozione. Sono passato poi al Ponsacco – vado a memoria, eh – anche qui in Promozione, prima di essere scelto, assieme a Chiarugi, dalla Fiorentina. Il passaggio ai viola non si materializzò in quanto avevo addosso una cauzione di 40 milioni proprio perché straniero dilettante… Successivamente passai al Livorno, dove cercai di acquisire la cittadinanza italiana. In quanto americano, pensi, avevo le valige già pronte per il Vietnam…

Come sei riuscito ad evitare la leva? Naturalmente per meriti sportivi, grazie al console americano presente a Firenze. Poi ho passato un anno da apolide…prima di ricevere finalmente la cittadinanza italiana. Fui preso quindi dal Milan. La società rossonera avrebbe voluto cedermi in prestito. Rifiutai e mi trovai quindi al Pisa in serie A, allenato da Lucchi e Mancinelli. Quest’ultimo poi passò ad allenare il Potenza.

Com’è andata a Pisa?
Ho fatto le mie belle presenza in prima squadra. Inoltre, nel precampionato fui prestato al Bologna e, nel corso di un torneo estivo, fui premiato come miglior giocatore dei felsinei…

Quindi il Nardò?
Sì, portato da Mancinelli che nel frattempo aveva lasciato il Potenza per prendere la guida dei Granata. Non le nascondo che venni al Nardò anche perché avrei guadagnato gli stessi soldi che prendevo in serie A…(ride)

Cosa ti lega ancora a Nardò?
Guarda, mi sento ancora con due dei protagonisti di quell’annata…Giannini e Savarese. Mi piace tenermi in contatto con vecchi compagni di squadra, con i quali talvolta si organizzano “rimpatriate”: è il caso di serate o partite di vecchie glorie come quele organizzate da Juve Stabia o Salernitana (squadre dove Horton ha giocato una volta lasciato il Nardò, ndr)

Il ricordo più bello?
Mah, in generale quell’annata per me è stata davvero straordinaria, condita, se non erro, anche da 8 segnature…

Segui ancora il Nardò?
Se devo dire la verità…onestamente no. Sono ormai distante anni luce dal calcio. Di tanto in tanto, vado all’Arena a seguire il Pisa, ma niente di più. La mia attuale attività mi porta via molto tempo ed energie…

Ci lasciamo con un saluto?
Ma quale saluto, suvvia, ormai il numero c’è l’hai. Dai, ci si risente!

Fernando Pero e Antonio Gallo per Nardocalcio.com



Nardò 1968/69 - William Horton è il primo in piedi da sinistra.
La prima foto ritrae William Horton con la maglia della Salernitana.
Nardocalcio.com ringrazia la famiglia Horton per la gentilezza (e la pazienza) nel fornire questa documentazione fotografica assolutamente esclusiva

martedì 15 luglio 2008

Alessandro Parente torna in Granata





Importante colpo di mercato del Nardò.
Torna Alessandro Parente dopo la parentesi casaranese.
L'inserimento nella zona nevralgica del regista ex-rossoazzurro fa risalire le quotazioni del Toro.

Il Nardò conferma Tenzone.

Alfredo Tenzone vestirà anche per la prossima stagione la maglia Granata.
Dopo gli addii di Sisalli, Nobile, De Pascalis, Millan e Calbuig si temeva la partenza anche di questo big, invece Tenzone ha tenuto fede alla sua promessa e ripartirà col Toro.
Grande Alfredinho!

venerdì 11 luglio 2008

Intervista a Juarez

Michele Piccione è riuscito a rintracciare il bomber argentino in vacanza oltreoceano. Juarez è pronto a vestire la maglia Granata, il nuovo bomber è sulla rampa di lancio

DURANTE UNA CHIAMATA CORDIALE JERMAN JUAREZ RACCONTA LA SUA SITUAZIONE A NARDOCALCIO.COM. NELLE ULTIME ORE IL SUO NOME E’ STATO ACCOSTATO AL NUOVO NARDO’ DI MISTER DE GREGORIO.

A CHE PUNTO E’ LA TRATTATIVA?
INIZIALMENTE ERO STATO RICONFERMATO A FRANCAVILLA MA DOPO IL D.S. NEGRO MI HA COMUNICATO CHE ERO LIBERO DI ACCASARMI ALTROVE. MI HA CONTATTATO IL NARDO’ ED IO HO SUBITO DATO LA PAROLA. UNA VOLTA SAPUTO DELL’INTERESSAMENTO DEL NARDO’ LO STESSO NEGRO MI HA RICHIAMATO PER ANNUNCIARMI LA RICONFERMA MA IO GLI HO DETTO CHE AVEVO GIA’ DATO LA PAROLA AL NARDO’. VORREI CHE LA GENTE ED I TIFOSI DEL FRANCAVILLA CAPISSERO LA MIA SITUAZIONE MA ATTUALMENTE IN LISTA ALLE MIE PREFERENZE C’E’ IL NARDO’ CON CUI HO GIA’ TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA.

UNO DEI PRIMI OBIETTIVI IN CASA GRANATA. E’ CONTENTO DI QUESTO INTERESSAMENTO?
CERTAMENTE SI.NARDO’ E’ STORICAMENTE FRA LE PIAZZE PIU’ CALDE DELLA PUGLIA .

E’ PRONTO PER QUESTA NUOVA AVVENTURA?
MI STO GIA’ ALLENANDO PER ESSERE AL 100%.

CI DESCRIVA LE SUE CARATTERISTICHE.
MI RITENGO UN ATTACCANTE MOLTO POTENTE CON UN BUON SALTO ED UN OTTIMO STACCO DI TESTA. SPERO DI POTER FARE BENE.

A NARDO’ RITROVA UN SUO COMPAGNO DELLA SCORSA STAGIONE, ALESSIO ANTICO. PUO’ ESSERE UN PUNTO DI RIFERIMENTO PER AIUTARLA AD INSERIRSI IN QUESTA NUOVA SFIDA?
PER ME E’ MOLTO IMPORTANTE ED E’ ANCHE MERITO SUO SE HO SCELTO NARDO’.CI RACCONTI LA SUA CARRIERA SPORTIVA.HO GIOCATO PER LO PIU’ IN ARGENTINA: COLON, ARGENTINO V, 9 LUGLIO DI CORDOBA E IL GIMNASIA LIMA.

L’ANNO SCORSO A FRANCAVILLA MOLTA PANCHINA INVECE QUEST’ANNO SI PUNTERA’ MOLTO SU DI LEI. SI SENTE PRONTO?
COME GIA’ DETTO MI STO ALLENANDO GIA’ DA TEMPO E SPERO DI DARE IL MASSIMO E VINCERE QUALCOSA DI IMPORTANTE.GRAZIE ED IN BOCCA AL LUPO

Michele Piccione per Nardocalcio.com

Il ritorno del guerriero


Alessio Antico torna a Nardò. Un altro ex francavillese per il Nardò versione 2008-09. Alessio tornerà a dare il suo apporto granitico alla difesa neretina e farà sentire tutto il suo peso e il suo carisma.

Nobile va via, arriva Juarez


German Juarez dovrebbe vestire la maglia granata numero 9, quella di Cosimo Nobile.
Dopo il burrascoso addio dell'attaccante copertinese arriva un argentino alla corte di Mister De Gregorio.

mercoledì 28 maggio 2008

De Gregorio è il nuovo mister

Si attende l'ufficialità ma il nuovo allenatore del Nardò dovrebbe essere De Gregorio, classe 1969 ex Francavilla. Trattative con Proto ormai in dirittura d'arrivo si ttende la firma. Il Nardò va avanti.

martedì 27 maggio 2008

Toma se ne va.

Clamoroso: Toma va al Bari.
Antonio Toma non è più il tecnico del Nardò. Stamattina ha trovato l'accordo come allenatore in seconda del Bari di Antonio Conte. Le illazioni e i timori di questi giorni si sono rivelati fondati. L'addio di Toma ha lasciato esterrefatto anche il Presidente Proto che sul tecnico magliese aveva puntato per un pronto rilancio delle ambizioni Granata. Ancora una volta l'affetto e la stima dei tifosi neretini sono stati malriposti.

sabato 17 maggio 2008

Intervista a Mujesan

Bomber girovago. Una vita in saliscendi. Nord, Sud, eppoi ancora nord. Come le due stagioni 2003/4, e 2004/5, quella del suo arrivo a Nardò: da una promozione sfiorata quasi miracolosamente, ad una retrocessione assurda che lascia ancora tanto amaro in bocca. Matteo Muiesan, 28 anni da Trieste, è un tipo genuino e forse un po’ schivo. Ma quando lo chiamo al telefono (grazie al contatto passatomi dalla segreteria dell’Itala San Marco, sua attuale squadra), mostra tutta la genuinità di un atleta lontano da palcoscenici fittizi, quelli del “calcio che conta”.

Pronto, sig. Muiesan, sono di Nardocalcio.com…volevo farle una breve intervista per il nostro sito…se è disponibile
Nardocalcio.com..certo vi conosco, sì sono disponibile, mi dica pure!

Anzitutto come sta e come procede la sua carriera
Bene grazie. Beh, che dire, quest’anno noi dell’Itala San Marco (squadra della provincia di Gorizia) abbiamo vinto il campionato di serie D e il prossimo anno disputeremo la C2. Io sono arrivato in ritardo , dal Pordenone, purtroppo non ho giocato molto e ho messo a segno un paio di gol. Ora ci giochiamo la poule scudetto con l’Alessandria.

Mi viene quindi da pensare che quella a Nardò sia stata la sua stagione migliore…
In assoluto. Una stagione da incorniciare, a livello personale, peccato per come sia finita…E’ stato davvero incredibile perdere i playout a Mentana, con una squadra, poi, non tipicamente “da coltello tra i denti”. Purtroppo è andata così, ma non si è trattato di fattore psicologico: se non ricordo male, sono state due papere del portiere…

Chi è il compagno che l’ha stupita maggiormente per qualità tecniche in quell’annata?
Sicuramente Corallo, davvero una spanna sopra agli altri. Di Nardò squadra porto con me un ricordo bellissimo: ancora oggi mi sento spesso con Della Bianchina e Volturo, che ormai ha intrapreso la carriera di allenatore. Della dirigenza ricordo Enzo Russo e Mino Manta: un buon direttore generale, quest’ultimo, a volte presente sul campo ma impegnato soprattutto in “lavoro di ufficio”…

Quali sono le gare in maglia granata che le sono rimaste nel cuore?
Sicuramente l’esordio a Grottaglie, quando ho siglato una doppietta (la partita finì 2-2, ndr). Ma non dimentico neanche quel Nardò-Bitonto, con il nostro pareggio al ’91. E che dire, poi, dei derby, terminati sì in pareggio, ma con quell’ambiente carico di emozioni tutt’intorno…

A proposito, abbiamo parlato della sua Nardò squadra e società. Cosa ci dice dell’ambiente?
Mai visto nulla di simile! Un calore e una passione unici. Le spiego. Qui al nord il calcio viene vissuto in maniera diversa: dagli allenamenti, che per i dilettanti si limitano a sgroppate serali, alla professione stessa, che qui non è considerabile tale, ovvero come vero e proprio lavoro come invece viene considerata da voi. Certo, nel nostro girone fanno eccezione solo il Como e l’Alessandria, ma sono team di ben altro blasone…I tifosi poi, non hanno quella passione e quell’attaccamento tipici delle tifoserie meridionali. Nord e Sud diversi anche nel calcio.

Ma c’è qualche suo compagno che consiglierebbe al Nardò di oggi?
Guardi, giocare qui non è come giocare da voi, ci vuole temperamento, carattere. Io, bene o male, mi sono adattato in fretta. Dei miei compagni vedrei bene a Nardò il centrocampista Carli, un “bell’animale” (parole testuali) di 1,95, che ha siglato 13 reti quest’anno e l’attaccante Neto Pereira, capocannoniere della serie D con 23 centri.

Domanda diretta: se fosse richiamato, Muiesan tornerebbe a Nardò?
Le dico la verità: andai via a malincuore. Ma ero ancora giovane, avevo 23 anni e le mie ambizioni. Se ci fossimo salvati sarei rimasto sicuramente ma, sa come si dice, andare in Eccellenza è facile, risalire (professionalmente) non altrettanto. A parte queste considerazioni, “scendere” ad oggi mi risulterebbe difficile in quanto ormai ho una famiglia e una bambina di 2 anni.

Mi levi una curiosità: ha parentela diretta con il Muiesan che negli anni ’70 indossò la casacca del Bari?
In realtà trattasi di un mio prozio. Mio padre ha giocato a calcio, ma si è fermato alla C, vestendo, ad esempio, le casacche di Potenza e Giulianova. Prospettive per il futuro? Credo che continuerò a giocare la C2 nelle fila dell’Itala, il prossimo campionato, sempre che ci si accordi sull’ingaggio.

Un saluto ai tifosi del Nardò e ai nostri utenti.
Saluto voi tutti, vi ringrazio per l’intervista e non mancate di salutarmi il “grande” Mimino!

Antonio Gallo (mrkite80) per Nardocalcio.com

classifica

francavilla 65
bisceglie 60
corato 59
lucera 58
casarano 58
copertino 58
nardò 57
locorotondo57